Adidas apre a Pechino… riuscirà a spuntarla su Nike?

Adidas, sponsor tecnico uficiale delle Olimpiadi di Pechino 2008, sta per inaugurare nella capitale del Celeste Impero un mega outlet di vetro e strisce – ovviamente – nel cuore del distretto dell’entertainment. Ma dietro c’è la battaglia strategica dell’anno: quella contro Nike, tutta incentrata sulla Cina, mercato in boom per i prodotti di massa dove lo sportswear può ottenere margini da noi ormai ricordo del passato.

La Cina diventerà alla fine di quest’anno il secondo mercato globale per Adidas mentre per Nike è già il secondo mercato globale dalla fine del 2007, con fatturato pari a 1 miliardo di dollari stimato a fine 2008. Nike quindi è più avanti, ma questo è l’anno in cui l’offensiva di Adidas può culminare in un’inversione di tendenza.

Leggi l’articolo su WSJ per i dettagli.

Assodato che è in atto una guerra globale tra Nike ed Adidas, mi sembra interessante capire come i due brand intendano affrontarla. Una conferma della regola secondo cui per attaccare il leader di una categoria devi essere l’esatto contrario. E allora la mia tesi è: se Nike si concentra sull’individuo, Adidas enfatizza i gruppi.

Alcune evidenze che mi sobbalzano agli occhi: Nike sponsorizza molti atleti singoli (individualità), Adidas l’Olimpiade come istituzione, nonchè molte squadre nazionali (social). Nike punta sull’enfatizzare l’esperienza di uso individuale con Nike Plus e BootCamp, Adidas realizza il sogno di squadre di calcio in paesi sperduti con Dream Big (social). Adidas realizza una Disneyland dello sport con spazi in cui è possibile allenarsi, puntando a realizzare un centro di aggregazione per appassionati di sport. Nike si focalizza su testimonial da imitare.

Sono solo sensazioni, sia chiaro, ma se dovessi fare due più due, concluderei dicendo che se Nike è più concentrata sulle performance individuali, Adidas può candidarsi a rappresentare tante piccole nicchie di appassionati “comuni” da riunire in un grande social network.

A proposito, entrambe hanno posto le premesse, sarà interessante vedere come interpreteranno il social web marketing.