The Thing, oltre il magazine

The Thing è un magazine trimestrale che si riceve solo per abbonamento, ma al contrario di tutti gli altri non è formato da pagine da sfogliare in uno dei tradizionali formati cartacei, è invece un oggetto d’arte, su cui sopra c’è del testo, scritto in qualche maniera, che rappresenta il contenuto editoriale della rivista. Quattro volte l’anno i curatori invitano artisti, scrittori, registi a realizzare un oggetto ispirato alla vita di tutti i giorni, da riprodurre ed inscatolare nel suggestivo cartone marrone inviato per posta agli abbonati.

Il primo numero, uscito da poco, è stato realizzato da Miranda July, regista premiata al Sundance Film Festival, che ha realizzato delle tende in seta color panna con delle frasi dipinte in nero a mano. Le frasi hanno a che fare con il significato di una tenda. Ad esempio in una c’è scritto: “If this shade is down, I’m not who you think I am”. L’oggetto è il messaggio.