Paper Four, la carta pervasiva.

Rilancio da Comunitazione l’articolo su Paper Four, la carta sensibile al tocco. Un concetto che potrebbe rivoluzionare un sacco di cose fatte oggi con la carta: il packaging, ad esempio, ma non solo. Riprende se non ho capito male le potenzialità interattive dell’utilizzo di sensori, in grado di attivare percorsi di interazione visiva, tattile, sonora, ecc.
Dei pannelli simili a quelli nel video potrebbero essere impiegati nei punti vendita per un’esperienza più coinvolgente, nell’arredamento, ecc. E’ un progetto svedese, si sta pensando ad una possibile forma di commercializzazione. Una cosa interessante che vorrei sottolineare è che, come riporta l’articolo di Anna Torcoletti, la tecnologia non è nulla di così trascendentale, esiste già ormai da anni, si tratta solo di estendere l’ambito di applicazione di cose già esistenti. Mi fa tornare in mente quanto sia importante la figura del contaminatore…