Katay, il Suv cinese si lancia all’ipermercato

Da Repubblica Motori la notizia dell’inizio della vendita del SUV cinese Katay con un prezzo a partire da 13 mila euro. Le auto sono in vendita da ieri e fino al 27 maggio negli ipermercati Finiper. La scelta dell’ipermercato, oltre che per creare notiziabilità e quindi copertura mediatica a basso costo, viene così spiegata: “Questa iniziativa commerciale nasce dalla volontà di offrire alle famiglie italiane la possibilità di pensare all’automobile non più come ad un bene secondario ma come ad un utile strumento della quotidianità, la stessa che conduce il grande pubblico al centro commerciale”.

Detta così si dirà “i soliti cinesi…bla, bla”, ma approfondendo la notizia scopro che in realtà il progetto è di una casa automobilistica italiana, la DR Motor Company di Isernia, che ci stava lavorando fin dal 2004. Infatti il progetto è stato concepito dagli italiani, compreso il design accattivante ed in linea con i trend in voga sul mercato italiano, mentre la produzione in serie avviene in Cina attraverso diversi partner industriali locali. A parte la notizia in sè, in questo post io volevo in realtà fare alcune riflessioni sul modello di business, che appare innovativo per il settore auto. Eccole in breve:

Anzichè produrre attraverso stabilimenti propri all’estero o legarsi ad un solo partner industriale, i tecnici della DR si servono di una rete di selezionati produttori cinesi, che lavorano come contoterzisti, su commessa.
Faccio il disegno di quello che voglio e me lo faccio fare da chi una fabbrica ce l’ha. Anzi se trovo più fabbriche in grado di farmi l’auto li metto in concorrenza tra loro.
Una volta importate in Italia, le auto vengono dotate di un motore FIAT da 1900 cc realizzato guarda caso ancora ad Isernia. Infine i modelli vengono commercializzati con il marchio della casa produttrice cinese, unito al marchio Katay, di propietà dell’importatore e che di fatto opera come meta-marca, garante della selezione dei prodotti agli occhi del pubblico italiano. L’assistenza clienti, che i produttori cinesi non sarebbero in grado di offrire ad un livello accettabile per i nostri standard, viene centralizzata ed affidata al meta marchio Katay.

Se si abbassano di molto le barriere industriali, i grandi distributori sono in posizione ideale per creare con relativa facilità nuovi brand, magari creati apposta per nicchie di pubblico. Premesse per una long tail dell’auto?