Etsy Labs: da negozio virtuale a reale

Etsy Labs è un esperimento del sito americano Etsy, punto di incontro per artisti e piccoli produttori di articoli artigianali. Lanciato nel Giugno 2005 il bilancio di questo sito è particolarmente positivo: oltre 300.000 transazioni effettuate fino a dicembre 2006. Questo grazie all’originalità degli articoli proposti (candele di soia, una sedia fatta con palline da tennis, ecc.) e alla semplicità/efficacia del sito. Brevemente il modello funziona così: chi vuole vendere prodotti fatti a mano, è l’unica condizione, può aprire un account e quindi un sito/negozio, decidere in autonomia come farsi pagare (consigliato vivamente PayPal), il tutto gratis. Etsy trattiene una commissione del 3,5% sulle vendite più 20 centesimi per ogni articolo listato, cioè inserito nel catalogo generale.

Sull’onda dell’entusiasmo alla Etsy hanno scelto di aprire a Brooklin (325 Gold St) un “negozio reale” in cui non solo vendere i prodotti, ma organizzare conferenze, tenere seminari, una bibilioteca che faccia da knowledge base condivisa, attirare piccoli produttori di artigianato ed aiutarli a realizzare lavori condividendo materiali… , ecc. E’ molto vicino all’idea di concept store, realizzata con l’intento di attirare pubblico dal mondo “reale” ma anche per creare uno spazio comune di condivisione e scambio dal vivo. Se l’esperimento dovesse riuscire, sostengono alla Etsy, non è escluso un piano di aperture anche in altri paesi.

Vedremo mai un eBay Lab nelle nostre città?

via Springwise